Accedi al sito
Serve aiuto?
italiano
english

ENERGIA

   AUDIT ENERGETICI DI EDIFICI ESISTENTI


In Europa la domanda di energia è cresciuta dagli anni Settanta ad oggi di circa il 50% ed è previsto che da qui al 2030 assisteremo ad un ulteriore aumento rispetto ai livelli attuali del 60% circa.

L’audit energetico rappresenta lo strumento principale per definire e conoscere le dinamiche di gestione dell’energia primaria utilizzata negli edifici: è un insieme sistematico di rilievo, raccolta ed analisi dei parametri relativi ai consumi specifici, alle condizioni d’esercizio dell’edificio e dei suoi impianti, definibile come una "valutazione tecnico-economica dei flussi di energia".

Nel caso di nuove costruzioni, è relativamente semplice conoscere e stabilire in fase progettuale i fattori tecnici e le caratteristiche gestionali che ne determineranno il fabbisogno; invece per quanto riguarda il patrimonio edilizio esistente ci si trova davanti ad una perdita di conoscenza, dovuta al passare degli anni e agli interventi strutturali-impiantistici eseguiti senza il coordinamento di un progetto unitario. Non si è quindi più in grado di coordinare efficacemente tutti quei fattori che ne determinano i consumi, con conseguenti ed inevitabili sprechi energetici, economici, oltre ad elevati livelli di inquinamento atmosferico.

Questa situazione acquista ancora più importanza se si considera che in Italia circa il 40% del patrimonio edilizio ha più di 50 anni, quindi antecedente alla prima normativa nazionale sul contenimento dei consumi energetici.

Stime dell’Unione Europea attribuiscono al settore delle costruzioni circa il 40% del fabbisogno energetico globale.

Diventa quindi fondamentale, considerando inoltre la forte dipendenza dell’Italia dalle importazioni di energia fossile (circa l'84% del fabbisogno), perseguire il contenimento dei consumi energetici attraverso un miglioramento dell’efficienza del patrimonio edilizio esistente.

Obiettivi di un audit energetico

Definire il bilancio energetico dell'edificio

Significa ricostruire le dinamiche relazionali tra l’energia primaria prelevata e il relativo utilizzo da parte del sistema edificio-impianto e rappresenta un’azione indispensabile per determinare eventuali situazioni di criticità, cioè quelle condizioni di utilizzo sovradimensionato di energia, rispetto a quanto previsto dal progetto

Migliorare le condizioni di comfort

La necessità di migliorare il rendimento del complesso sistema tra fabbisogno di energia primaria ed edificio resta uno dei principali obiettivi di un Energy audit. Nel perseguire tale meta però non bisogna trascurare quelli che sono gli aspetti di comfort percepiti negli ambienti interni. Di fatto sarebbe un vero fallimento se un piano d’azione energetico riuscisse a diminuire i consumi, ma rendesse invivibile gli spazi utilizzati dagli utenti della struttura.

Individuare gli interventi di qualificazione tecnologica

Individuate le cause determinanti gli eccessivi utilizzi energetici, si passa alla fase di proposte progettuali durante la quale si analizzano le criticità riscontrate, cercando una soluzione tecnica adeguata.

Possiamo riassumere tali criticità in tre categorie:

Impiantistiche
Si considerano tutte le problematiche riguardanti il funzionamento dei sistemi tecnologici per il riscaldamento-raffrescamento stagionale, nonché l’impianto d’illuminazione ed elettrico in generale. 

Strutturali-architettoniche
Si ricercano deficienze nella tipologia edilizia, nei materiali tecnologici utilizzati per l’involucro esterno, compresi i serramenti, la struttura portante, l’esposizione, il contesto climatico e molti altri fattori riguardanti le caratteristiche architettoniche dell’edificio. 

Gestionali
Non sono di minore importanza gli aspetti gestionali e perciò viene verificato anche come l’edificio viene utilizzato dall’utenza. Partendo dalla destinazione d’uso e dalla tipologia architettonica dell’edificio, si analizza la metodologia con la quale si usufruisce della struttura (es. programmazione impianto di riscaldamento, tipologia d’utenza, attività svolte).

Valutare per ciascun intervento le opportunità tecniche ed economiche 
Definiti gli interventi risolutivi delle criticità, si verifica la loro realizzabilità e il costo economico da sostenere, in modo tale da classificare gli interventi secondo un ordine di priorità, scelto a seconda del fine che si vuole perseguire. Si potrebbe scegliere di prediligere gli interventi con ritorno dell’investimento più rapido, oppure interventi economicamente meno convenienti ma che diminuiscano le emissioni di CO2nell’atmosfera o che migliorino le condizioni di comfort degli ambienti interni. 

 

         SOPRALLUOGO AEREO CON DRONE


Quando si rende necessario analizziamo la vostra area di progetto anche attraverso delle video riprese aeree eseguite con droni telecomandati a distanza dai nostri operatori. Questo ci permette di comprendere meglio alcune dinamiche morfologiche che dal piano stradale è difficile comprendere. 
Spesso questa tecnica d'indagine viene utilizzata anche per raggiungere zone difficilmente percorribili a piedi, come ad esempio durante il monitoraggio delle condizioni di stabilità degli argini dei torrenti, evitando ai tecnici incaricati del controllo di effettuare l'indagine direttamente dall'alveo del fiume, ma visionando le immagini da un'area sicura.  

E' utile anche per raggiungere visivamente punti che solitamente necessitano del noleggio costosi automezzi con sistemi di sollevamento come cestelli o piattaforme. Con questo sistema possiamo anallizzare il degrado di intonaci posizionati ai piani alti o verificare le condizioni di conservazione della copertura di un edificio a costi decisamente più contenuti.

 

      ANALISI TERMOGRAFICHE DI SECONDO LIVELLO


La perizia termografica è un'indagine di tipo qualitativo e si pone come obiettivo l'individuazione di irregolarità nelle proprietà termiche dei componenti che costituiscono l'involucro esterno di un edificio.
Queste irregolarità si traducono in variazioni di temperatura sulle superfici della struttura. L'analisi della distribuzione della temperatura superficiale può pertanto essere impiegata per rilevare irregolarità termiche dovute, per esempio, a difetti d'isolamento, umidità e/o infiltrazioni d'aria nei componenti costituenti l'involucro esterno dell'edificio.

 

La termografia degli edifici è un metodo per visualizzare e rappresentare la distribuzione della temperatura su una porzione della superficie dell'involucro edilizio e viene effettuata tramite un sistema di rivelazione della radiazione infrarossa, che produce un'immagine basata sulla temperatura radiante apparente. L'immagine termica prodotta viene infine interpretata, estrapolando da essa eventuali criticità termiche.

 

Qualificati presso il centro RINA di Genova come operatori termografici PND di secondo livello, addetti a prove non distruttive, operiamo con i seguenti obiettivi:
 

a) Individuazione in opera delle irregolarità nelle proprietà termiche dei componenti che costituiscono l'involucro esterno di un edificio, riuscendo ad individuare ad esempio difetti di isolamento.

b) Individuazione in opera di presenza di ponti termici dovuti principalmente alle strutture portanti.

c) Individuazione cause di umidità o infiltrazioni d'aria dai vari componenti edilizi.

 

       ANALISI TERMOFLUSSIMETRICHE DI MURATURE ESISTENTI


Vuoi controllare quanto calore disperdono le pareti di casa tua?

Vuoi verificare come sono state realizzate le pareti dell'abitazione che hai appena acquistato ma non vuoi demolire?

L’indagine termoflussimetrica è una tecnica diagnostica non distruttiva che consente la determinazione del valore di trasmittanza termica in opera di qualsiasi muratura, anche se questa è composta da differenti materiali, senza dover eseguire operazioni invasive quali demolizioni o carotaggi. La strumentazione necessaria si compone di 3 sonde interne + 2 sonde esterne che raccolgono e memorizzano i dati utili a determinare le caratteristiche tecniche e termiche di qualsiasi materiale.

 

 

 

    PROGETTAZIONE IMPIANTI ELETTRICI E TERMICI


Grazie alla collaborazione con lo studio associato EAS siamo in grado di fornire direttamente il servizio di progettazione di impianti elettrici sia civili che industriali; sviluppiamo soluzioni personalizzate anche in ambito di impianti termici invernali o di ventilazione e raffrescamento estivo. 
La stretta collaborazione consente di ridurre al minimo tempi di sviluppo progettuale e di studiare contemporaneamente soluzioni architettoniche in armonia con quelle impiantistiche. 

 

Elenchiamo alcune tipologie di servizi offerti:

  • Progettazione impianti industriali
  • Progettazione impianti civili
  • Progettazione impianti nel terziario
  • Verifiche e progettazione ambienti Atex
  • Verifiche progettazione di impianti contro le scariche atmosferiche
  • Progettazione impianti rivelazione incendi
  • Progettazione impianti fotovoltaici
  • Progettazione impianti con Pompa di calore
  • Progettazione impianti con caldaia a condensazione
  • Progettazione impianti ad energie rinnovabili
  • Progettazione impianti di ventilazione meccanica con recupero del calore
  • Analisi costi e benefici degli interventi proposti

 

 

 

Info Contatti

Mà_Mà_ Architettura e Ambiente srl
Via Giuliana Ronzoni, 12
20811 - Cesano Maderno
Monza Brianza - Italia
C.F. / P.Iva: 10401800965
Tel: +39 0362/524280
Fax: +39 0362/1796206
info@mamacreation.it

Social Share

Newsletter